Albero di terra

L’albero che vedevi tutti i giorni

si è poggiato al muro, marcito dentro

non sa di essere morto, non sapeva d’essere

vivo. D’ombra e di spazio, ne faceva

ora sarà terra, e ricordo

e poi simbolo, e la pelliccia morbida

di un gatto, inquietudine sciolta

radice lenta.

Chi canta sa che non c’era, e non c’è.

rotten_tree

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *