Trattamenti Reiki: posizioni

Per un corso di Reiki, ho preparato delle schede per l’auto-trattamento e per il trattamento completo ad altre persone.

reiki-self-healing

L’auto-trattamento è il modo migliore per far entrare il Reiki nella nostra pratica quotidiana. E’ un modo ottimo per rilassarsi, per entrare in connessione con sé, per acquisire fiducia sulla nostra capacità di dare Reiki.

Si può fare pratica di auto-trattamento preferibilmente la mattina o la sera e, naturalmente, quando sentiamo di averne bisogno.

Ci sono numerose posizioni, bisogna provarle per sentire quelle più appropriate per sé; le posizioni posteriori possono essere scomode, in quel caso si possono anche togliere o ridurre.

Nella scheda che segue trovate delle immagini che illustrano le posizioni principali:

Scheda di Autotrattamento Reiki

Il trattamento alle altre persone ripercorre di massima le stesse posizioni usate nell’auto-trattamento. Ricordo che prima di dare il Reiki bisogna centrarsi sul cuore (mettendo le proprie mani sul cuore, o in posizione di preghiera Gassho).

yogapose

Prima di iniziare, e dopo aver completato tutte le posizioni, va pulita l’aura della persona. Per farlo, si passano le mani a circa 20 centimetri dal corpo muovendo dalla testa fino ai piedi in un movimento lento; l’ideale è riuscire a percepire l’aura mentre muoviamo le mani. Tipicamente la percezione si accompagna ad un leggero formicolio nelle mani, ma anche se non sentiamo nulla va bene lo stesso. Il movimento fa fatto tre volte, una volta al centro del corpo e una per ogni lato.

Possiamo quindi iniziare il trattamento completo.

Reiki-Session-2

Se poggiamo le mani sulla persona, ricordiamo di muovere una mano per volta cambiando posizione: se le togliamo entrambi, la persona potrebbe avvertire il “salto” come un fastidio.

Scheda di Trattamenti Reiki agli altri Autotrattamento Reiki

Al termine del trattamento, potrete chiedere alla persona come si è trovata e cosa ha sentito. Se voi avete avuto delle percezioni sul suo stato fisico, mentale ed emotivo, può essere questo il momento per condividerle.

Buona pratica!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *